Finanziera alla Piemontese

La finanziera alla piemontese si cucina sbollentando l'animella di vitello per tagliarla a fettine, taglieremo a grossi pezzetti i filoni, il filetto, la fesa ed i fegatini per infarinarli e farli rosolare con del burro in padella. Ecco i passaggi per la finanziera piemontese.

Portata Portata:
Secondi piatti di Carne (Vedi altre Ricette)

Cucina regionale Cucina regionale:
Piemonte (Vedi altre Ricette)

Difficoltà Difficoltà:
Media

Persone Persone:
6

Tempo Tempo:
20 minuti 1 ora di cottura

Costo Costo:
Medio

Ingredienti

  • 150 g Creste di pollo
  • 80 g Animella di vitello
  • 80 g Fegatini di pollo
  • 80 g Filetto di manzo
  • 80 g Fesa di vitello
  • 80 g Filone di vitello
  • 1 spruzzo Aceto
  • 50 g Funghetti sott'olio
  • 30 g Burro
  • 1 spruzzo Marsala secco
  • q.b. Farina
  • q.b. Sale

Preparazione

Step 1

Sbollentate l'animella, togliete la pellicina e tagliatela a fettine. Tagliate a pezzetti i filoni, il filetto, la fesa ed i fegatini, poi infarinateli leggermente.

Step 2

Sciogliete il burro in padella e fatevi rosolare le carni, quindi unitevi le creste.

Step 3

Incoperchiate e cuocete a fiamma bassa, dopo 20 minuti unite i funghetti tagliati a metà e cuocete ancora per 20 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Step 4

Qualche minuto prima di togliere dal fuoco unite l'aceto ed il Marsala, regolate di sale e servite ben caldo.

Consigli

Il nome della finanziera alla piemontese deriva dall'abito chiamato proprio finanziera, abitualmente indossato nel 1800 dai banchieri e dagli uomini di alta finanza, ai quali sembra che questo piatto piacesse molto.

Contenuti sponsorizzati

Commenti

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno