Questo sito contribuisce alla audience di

Porri, caratteristiche e ricette

Il porro ha un sapore meno forte rispetto a quello della cipolla e dell'aglio e in molte regioni nelle ricette si utilizzano di preferenza i porri piuttosto che cipolle o aglio. Conosciamo meglio il porro.

Porri, caratteristiche e ricette

Porri, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (144)



Il porro è un vegetale che viene coltivato in tutta Italia, ma non è una verdura diffusa uniformemente su tutto il territorio dal momento che, avendo un sapore che sta fra l'aglio e la cipolla, in alcune regioni viene messo in disparte a favore di queste ultime.
Anche l'aroma è meno intenso rispetto a quelli di aglio e cipolla, dal momento che contiene in minor quantità quella sostanza volatile che fa lacrimare gli occhi.
Poiché viene seminato nel corso dell'intero anno, è reperibile sempre fresco, ma la raccolta principale avviene dal mese di ottobre in avanti.

I porri sono composti da un bulbo che è il naturale completamento delle foglie piatte e strette l'una all'altra che compongono la pianta.

In cucina il porro viene utilizzato in modi molto variegati, accompagna frutti di mare, condisce gustosi piatti di pasta, aromatizza invitanti zuppe di verdure, dà corpo a vassoi di crostacei, ma rende possibili anche portate con carne di pollo o pesce ed è ottimo anche da solo.

I porri: proprietà e informazioni
All'acquisto il porro deve avere il bulbo bianco e fresco e le foglie, almeno fino a metà pianta, devono essere ben strette.
Anche se normalmente nelle ricette vengono utilizzati  uno o al massimo due porri, quindi quantità molto limitate, è sempre utile sapere che 100 grammi di porro forniscono circa 61 calorie.

Il porro, pur essendo costituito per circa il 90% di acqua, fornisce fibra, vitamine tra cui la K e la A e minerali, tra i quali potassio e magnesio.
Purtroppo la maggior parte di queste sostanze è contenuta nelle foglie, che solitamente vengono eliminate, sarebbe pertanto consigliabile tritare finemente le foglie in modo da poterle cuocere assieme al bulbo.

Tra le proprietà attribuite al porro, ma non dimostrate, si dice che ci sia anche un effetto afrodisiaco, ma resta a livello di diceria, mentre invece son ben più radicate e dimostrate le affermazioni che concernono le sue proprietà depurative e disintossicanti, grazie all'effetto diuretico, inoltre consumare porri aiuta a diminuire i gas intestinali e il senso di gonfiore.

Ultima nota, i porri non hanno particolari controindicazioni, se non quella che potrebbero contenere quantità misurabili di nichel e sono quindi da sconsigliare ai soggetti allergici a questo metallo.

 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno