Noce moscata, caratteristiche e ricette

La noce moscata è una profumatissima spezia adoperata sia per la preparazione di ricette di dolci che per aromatizzare piatti di pasta, principalmente al forno. Proviamo a conoscere meglio la noce moscata.

Noce moscata, caratteristiche e ricette

Noce moscata, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (363)


Coltivata in alcuni paesi della fascia tropicale, principalmente nell'arcipelago delle Molucche, l'albero della noce moscata necessita di quasi 10 anni prima di arrivare a produrre una quantità annua di semi attorno ai 2mila che ripagano gli sforzi fatti, e lo farà poi per almeno altri 70 anni.
I frutti, le noci moscate, vengono raccolti e poi messi a seccare o al sole, processo che richiede fino a 8 settimane, o direttamente su braci di legna, in modo che il tegumento che avvolge i frutti, il macis, si secchi e venga raccolto a parte mentre il frutto vero e proprio si stacca dal guscio asciugandosi.

La noce moscata è reperibile in commercio sia in polvere che intera da macinare, ma è preferibile acquistarla intera perché all'interno sono contenuti olii essenziali che con la macinatura evaporano rapidamente, con perdita di aroma e sapore.

In cucina la noce moscata può venir impiegata in molte e differenti preparazioni: per alcune tipologie di dolci come torte, creme e budini, ma anche per salse particolari dal momento che aromatizza la besciamella e la salsa di cipolle, e viene aggiunta anche in alcuni purè di patate e nei cavolini di Bruxelles lessati.

Inoltre la noce moscata viene anche macinata nei ripieni a base di carne, col formaggio o gli spinaci utilizzati come ripieno dei tortellini, ravioli o cannelloni; completa anche la preparazione di alcuni cocktails caraibici e per aromatizzare bevande alcoliche come il vino bollito, l'egg-nog, una bevanda inglese preparata con birra e uova, ed il punch al rum.

Anticamente la noce moscata era apprezzata sopratutto per le sue virtù terapeutiche, tra le quali non potevano mancare quelle afrodisiache, ma era anche utilizzata come digestivo da prendere in dosi molto moderate dal momento che in dosaggi più elevati è anche un narcotico.
Inoltre la noce moscata calma la nausea e il vomito, mentre l'olio essenziale di noce moscata, per uso esclusivamente esterno, è ottimo contro i dolori reumatici.

Un altro utilizzo che veniva fatto della noce moscata era come ingrediente di un medicamento molto diffuso, il cosiddetto "aceto dei sette ladri", che serviva, oltre che come condimento, anche per preparare impacchi antidolorifici o come sollievo per gli svenuti, ai quali si bagnavano le tempie o si faceva annusare la bottiglia come con i sali.

Attenzione inoltre all'utilizzo della noce moscata durante le gravidanze, studi medici affermano che possa provocare aborti mentre alcuni erboristi al contrario sostengono che possa invece essere benefica proprio per le donne incinte.

 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno