Zucca, caratteristiche e ricette

La zucca è un ortaggio coltivabile da agosto a febbraio, possiede un gusto ricco che viene ben sfruttato sia per preparare ricette di minestre che di pasta. Proviamo a conoscere meglio la zucca.

Zucca, caratteristiche e ricette

Zucca, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (154)


Le origini della zucca come la conosciamo oggi sono incerte, qualcuno la fa originaria dell'America Centrale, altri dell'Africa, sembra che i Romani già ne coltivassero alcune varietà, sebbene differenti da quelle poi importate da Colombo nei suoi viaggi di scoperta.

L'unica informazione certa è che la zucca non è nata in Italia, ma fonti storiche attribuiscono all'India la paternità del tipo Lagenaria Vulgaris, coltivata per le mense dei poveri, ben più piccola delle 3 varietà, pepo, maxima e  moschata, importate successivamente da Colombo.

La zucca è nota per le sue proprietà terapeutiche, la sua polpa è rinfrescante, e stimola le funzioni intestinali, le funzioni diuretiche, sedative  ed è leggermente lassativa.
Se consideriamo che nelle "cucurbitacee" si riscontrano elevati dosaggi di vitamina A a fronte di un limitato numero di calorie, ci rendiamo conto che la zucca è uno degli alimenti da preferire nel caso di diete ipocaloriche.

La zucca in cucina viene prevalentemente utilizzata per accompagnare la pasta  o il riso e qualche volta al forno, ma anche per gustosi e colorati biscotti o per saporiti gnocchi di zucca.

La zucca deperisce rapidamente e può essere conservata per qualche giorno in frigorifero chiusa in una busta di plastica traforata perché tende a disidratarsi, oppure può essere surgelata ma in questo caso conviene sbollentarla in precedenza, se la zucca è intera può invece essere tranquillamente conservata in luogo buio e asciutto anche per tutto l'inverno.

La zucca possiede un elevato potere antifermentativo ed è consigliata proprio a coloro che soffrono di insufficienza epatica.
Inoltre il basso apporto calorico (20 kcal), l'abbondante contenuto di acqua (94%) e di sali minerali (ferro, calcio, fosforo) unite alla scarsezza di grassi (0,1%) ne consigliano l'uso a coloro che soffrono di problemi di peso.

Molte le varietà di zucche disponibili in commercio  tra le quali possiamo citare la zucca di Marina di Chioggia, la zucca lunga invernale, la maxima, la lagenaria, la zucca quintale e la banana pink; non trascuriamo le zucche ornamentali, appartenenti alla specie lagenaria, caratterizzate da un guscio durissimo e pochissima polpa, il che le rende ideali, una volta svuotate, per ricavarne borracce o recipienti vari.
 
Le zucche vanno raccolte tra luglio e novembre. Le migliori sono quelle che hanno polpa colorita e soda.
Le migliori zucche che nascono in Italia sono quelle di Marina di Chioggia: grosse, schiacciate, con buccia verdastra.

 Per conservare maggiormente il contenuto vitaminico della zucca se ne consiglia la cottura a vapore oppure in forno a temperatura media.



 

Contenuti sponsorizzati

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno