Questo sito contribuisce alla audience di

Acidità di stomaco

Cosa mangiare quando si soffre di acidità di stomaco? Ecco alcuni suggerimenti per una dieta equilibrata per prevenire e curare il disturbo dell'acidità di stomaco.
 

Acidità di stomaco

Questo disturbo è spesso il sintomo di problemi diversi, ma in qualche modo collegati.

L'esofagite, la gastrite, la duodenite, l'ulcera gastrica o duodenale possono, in momenti diversi e con modalità caratteristiche - che sono di aiuto al medico per fare una diagnosi corretta - determinare una fastidiosa sensazione di bruciore all'imboccatura dello stomaco.

I risultati prodotti dall'ingestione di alcali (bicarbonato) sono assolutamente transitori e non risolvono mai il problema in modo definitivo.

Consigli

Masticare molto bene; mangiare sempre seduti; semplificare la struttura dei pasti evitando i menù troppo elaborati e seguendo le corrette combinazioni degli alimenti.

Alimenti indicati

 - Carciofo: favorisce l'attività epatica e la produzione di bile.
 - Carota: protegge la pelle e tutte le mucose; favorisce lo svuotamento dell'intestino; mantiene giovani le cellule.
 - Cavolo: stimola la produzione di nuove cellule; favorisce la cicatrizzazione delle ferite, sia cutanee che delle mucose.
 - Mela: ricca in pectine, protegge la mucosa dalle aggressioni acide.
 - Melissa: utile specialmente quando i disturbi digestivi sono in qualche modo collegati e causati da ansia ed eccessiva eccitazione nervosa (cioè quasi sempre!).
 - Ortica: modera la secrezione acida gastrica e ne protegge efficacemente la mucosa.


Alimenti sconsigliati

Tutti quelli la cui ingestione provoca in qualche modo l'acidità di stomaco, come
 - Il pane fresco con mollica
 - I legumi interi in generale anche se a volte quelli ben cotti e passati sono tollerati
 - Il latte freddo e i formaggi fermentati o piccanti
 - Gli insaccati in generale
 - Le carni e i pesci grassi, quelle di pollo e di tacchino senza eccedere nelle dosi sono tollerate
 - Le verdure crude con la raccomandazione di evitare particolarmente i pomodori
 - Tutta la frutta secca ed essiccata e quella acerba o poco matura
 - Il vino puro, la birra, le bevande gassate o ghiacciate, e caffè concentrati, liquori e super alcolici;
 - I succhi di frutta acidi come limonate, succo di pompelmo, aranciate e succo di albicocca
 - spezie piccanti e aceto, brodo di carne.

Rubriche correlate: Acidità di stomaco, controlliamola