Rabarbaro, caratteristiche e ricette

Il rabarbaro è un ortaggio utilizzato principalmente per la preparazione di torte dolci o salate, ma anche per la realizzazione di marmellate dal gusto molto particolare. Conosciamo meglio il rabarbaro.

Rabarbaro, caratteristiche e ricette

Rabarbaro, caratteristiche e ricette, visualizza tutte le ricette (2)



Il rabarbaro è una pianta perenne a carattere erbaceo che comprende circa 60 specie diffuse in Europa e in Asia.
Era conosciuto in Cina già dal 2700 a.C. sia come alimento che come medicinale, per le sue molte proprietà, e solo più tardi si è diffuso in Inghilterra e successivamente nel resto dell'Europa.

Del rabarbaro si consumano i i piccioli fogliari carnosi, che vengono utilizzati sia come ingrediente principale che come secondario in diverse pietanze, anche se la maggior parte degli impieghi lo vede ingrediente per la preparazione di torte dolci o salate e marmellate.
Anche se le foglia potrebbero costituire da sostituto di quelle degli spinaci, l'uso è categoricamente sconsigliato a causa dell'elevato tenore in acido ossalico.

Un campo dove il rabarbaro trova vasto utilizzo è invece quello medicinale, dove viene impiegato sopratutto il "rizoma", un ingrossamento della radice, particolarmente utile è quello della specie  Rheum palmatum, più nota con il nome comune di Rabarbaro cinese.
Anche le radici delle altre varietà di rabarbaro contengono gli stessi principi attivi del rabarbaro cinese, ma con tenori spesso inferiori.

Il rizoma si raccoglie da piante di oltre un anno d'età, viene decorticato e suddiviso in frammenti ed essiccato. La droga si presenta sotto forma di frammenti cilindrici o discoidali, duri, di difficile frantumazione. Come prodotto erboristico classico il rabarbaro si assume tal quale in polvere, come decotto, come estratto idroalcoolico. In campo industriale è utilizzato nel settore farmaceutico per la produzione di farmaci.

Il rabarbaro è un potente regolatore delle funzioni digestive, e possiede proprietà depurative del fegato, è anche un leggero lassativo, cosa che ne sconsiglia un uso troppo frequente per evitare che questa ultima proprietà si faccia più evidente.
Nel settore liquoristico il rabarbaro è impiegato come ingrediente base per la produzione di amari tonico-digestivi, tra i quali un famoso liquore italiano, oppure come ingrediente correttore del sapore per aperitivi e amari a base d'erbe.
L'uso del rabarbaro come ingrediente secondario è dovuto soprattutto al suo aroma gradevole, che contribuisce a migliorare il bouquet dei preparati.

 

Iscriviti alla newsletter!

La ricetta del giorno